• Parrocchia Sant'Andrea Apostolo di Pollenza
  • Parrocchia Sant'Andrea Apostolo di Pollenza
  • Parrocchia Sant'Andrea Apostolo di Pollenza
  • Parrocchia Sant'Andrea Apostolo di Pollenza
  • Parrocchia Sant'Andrea Apostolo di Pollenza
  • Parrocchia Sant'Andrea Apostolo di Pollenza
  • Parrocchia Sant'Andrea Apostolo di Pollenza
Inizio CHIESE S.Maria del Trebbio

S. Maria del Trebbio

S.MariadelTrebbio
La chiesa, costituita da una piccola cappella e da una casa con un piccolo spaziale, fu costruita negli anni 1587-1588 per dare una degna sistemazione e protezione all’immagine della Madonna della Misericordia dipinta sul muro di un tabernacolo eretto in epoca ignota presso l’attuale contrada già detta del Trivio (in vari documenti del 1500).

 

Nel 1794 il rettore del Trebbio di Roma don Pietro Pescatore cedette le case ed il terreno in enfiteusi a Felice Sileoni di Montemilone e ai suoi discendenti con il compito di pagare al cappellano un canone annuo di 4 scudi romani (questi stabili appartennero ai Sileoni fino al 1861).

In seguito alle leggi eversive fu acquistata nel 1875 per interposta persona dall’oratore francescano P. Domenico Pierucci , nativo di Pollenza. Questi nel 1877, vi fece costruire una Chiesa più ampia, provvista poi in seguito di coro e sagrestia più appropriati, di due cappelle laterali e di orchestra. Annesso alla Chiesa, il P. Pierucci vi fece costruire un ospizio, ingrandito con altro fabbricato dopo la sua morte, avvenuta il 6 gennaio 1879. Nel 1899 il primitivo ospizio fu trasformato in convento formale e il fabbricato fu sede dello studio di belle lettere e di un collegio serafico.

TombaS.Laurapic


Attualmente la Chiesa del Trebbio è dedicata a Santa Laura
martirizzata all’età di 13 anni in Ancona sotto l’imperatore Diocleziano dopo che fu esiliata e percossa. Il suo corpo fu portato dal convento dei Frati Minori di Loreto alla Chiesa del Trebbio in Pollenza a cura ed a spese di don Francesco Lamponi il 19 maggio 1899 e posto sotto l’Altare Maggiore. Le Sante Reliquie furono sistemate una volta il 9 maggio 1912 ed una seconda il 27 ottobre 1938.

Dai documenti si apprende che le reliquie conservate in apposita urna, sono venute da Loreto, incartate e fornite di sigillo di curia vescovile (tutte tranne il cranio, le mani e i piedi), con la scritta indicante: “S. Laura fanciulla martire”. Il calice esistente nell’interno dell’urna con il vaso di vetro contiene la terra bagnata del sangue della Martire. Nonostante le varie richieste , non è stato possibile avere notizia alcuna sulla vita della santa, la famiglia; la sua santità ed il martirio sono legati alla generosità, fortezza d’animo, fedeltà al dovere fino allo spargimento di sangue. I festeggiamenti religiosi in onore di Santa Laura avvengono il 21 agosto ed l’8 ottobre (infatti viene anche detta Laureta - Laurentia)

La attuale torre campanaria risale al 1901 e nel 1906 fu inaugurata dalle campane della chiesa dei Minori. La decisiva trasformazione della chiesa, allungata di molti metri, arricchita di due navate laterali risale agli anni 1945-1946 a cura del P . Umberto Ciccioli.

Nel mese di luglio del 1951 fu inaugurato l’altare marmoreo consacrato.

(cfr. Memoria Manoscritta da Don Nazareno Boldorini, Arch. Corp. del Melograno)

 

Consiglio Generali Statiotum est: Poiché si vede esser mandata tanto innanzi la fabbrica della Pittura del Trivio, con una spesa sì grande e che l’desiderio di Maffitto mosso da opera pia veramente e lui vorrebbe tuttavia continuare con spenderci for di bisogno piacendo a questo m.co num.o stante la sua decrepità si glie dia per compagno m. Achille Palmucci accio’ insieme venghino a moderare quanto più possibile la spesa di d.a Fabrica , et sendoci entrata o in denari o in robba sia preservata ond. Spesa acciò a qualche tempo occorrendo a renvestirli in beni stabili si possi fare.

Approvato con 34 voti favorevoli e 6 contrari.

Vol. 1583-1587 c. 242 v.(appunti manoscritti da Don Nazareno Boldorini tratti dai libri delle Riformanze del Comune di Pollenza)


Vai alla Galleria Fotografica


Particolare Riconoscimento a Padre Vincenzo Zucca.